Auguri, caro vecchio Diavolo!

Chiacchere da bar sul Milan, discutendo su tutto ciò che non è riconducibile alle categorie già esistenti
Rispondi
Avatar utente
Milanista78
Messaggi: 1158
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:19

Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da Milanista78 » venerdì 16 dicembre 2016, 15:27

Oggi compiamo 117 anni di gloriosa storia.
RED LIKE HELL AND BLACK TO SCARE THE ENEMY

Avatar utente
Emanuele
Messaggi: 1619
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:06

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da Emanuele » venerdì 16 dicembre 2016, 18:04

Un augurio al Milan ed a tutti noi, sperando che inizi una nuova era il prima possibile!

Avatar utente
nordahl
Messaggi: 5618
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:41
Località: secondo anello blu

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da nordahl » giovedì 10 ottobre 2019, 23:02

due mie considerazioni sul diavolo e la sua storia: le posto in questa sede, per non aprire una nuova discussione.

E' nel nostro Dna avere periodi, anche lunghi, di alti e bassi.
Con picchi estremi in un senso e anche nell'altro.
Lo si evince semplicemente analizzando la nostra storia.
Fondati nel 1899, abbiamo vissuto alla grande il primo decennio (già nel 1907 eravamo a quota 3 scudetti, roba che club importanti quali Napoli, Lazio e Fiorentina tuttora non hanno in bacheca...). Periodo decisamente esaltante.
Poi gli anni bui: ben 48 anni senza vincere un cazzo (e fortunatamente non c'erano i social!!!). Certo, in mezzo ci sono state due guerre, erano anni particolari, ma per ritrovare un tricolore ci ha dovuto pensare il Grenoli
Gli anni 50 e 60 ci hanno portato gioie a getto continuo: 5 scudetti, due coppe dei campioni, una intercontinentale. Anni meravigliosi.
Negli anni 70, invece, poche gioie (in pratica solo lo scudetto della stella, l'ultimo regalo di Gianni Rivera)
Poi i primi anni 80, con due retrocessioni ed il rischio fallimento.
Poi l'arrivo di Berlusconi, con 20 anni di goduria allo stato puro.
Poi la fase down, con Berlusconi che non investe, i parametri zero, la cessione ai cinesi, il fondo USA.

Per i tifosi rossoneri gioie intense, fortissime, indimenticabili ma altrettante delusioni cocenti e dolori lancinanti.
Mai mediocri, nel bene e nel male, tifare Milan vuol dire non annoiarsi, vuol dire alti e bassi, affrontare Cavese e Steaua a pochi anni di distanza, vuol dire passare da Manchester a Istanbul, vuol dire avere Papin riserva di van Basten ma anche Lapadula e Ocampos, sempre sulle montagne russe.

Perchè vi scrivo questo.
Perchè questi sono anni orribili, essere milanisti ora è difficilissimo, stiamo ingoiando tanti di quei bocconi amari...
Non ho idea di quando avrà fine questo schifo, temo non a breve, la luce in fondo al tunnel non si vede. Mi auguro che Elliott possa vendere ad un magnate russo/arabo/usa e che questo sia valido, ma servono ancora anni di pazienza.
Ma prima o poi ritorneremo a vivere momenti esaltanti, perchè è così da 120 anni.
Nessuna notte è così lunga da impedire al sole di risorgere (Jim Morrison)
Risorgeremo
LASCERO' IL MILAN IN OTTIME MANI...

Avatar utente
IlFuSheva_7
Messaggi: 2828
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 15:09
Località: Sassari

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da IlFuSheva_7 » venerdì 11 ottobre 2019, 0:34

nordahl ha scritto:
giovedì 10 ottobre 2019, 23:02
due mie considerazioni sul diavolo e la sua storia: le posto in questa sede, per non aprire una nuova discussione.

E' nel nostro Dna avere periodi, anche lunghi, di alti e bassi.
Con picchi estremi in un senso e anche nell'altro.
Lo si evince semplicemente analizzando la nostra storia.
Fondati nel 1899, abbiamo vissuto alla grande il primo decennio (già nel 1907 eravamo a quota 3 scudetti, roba che club importanti quali Napoli, Lazio e Fiorentina tuttora non hanno in bacheca...). Periodo decisamente esaltante.
Poi gli anni bui: ben 48 anni senza vincere un cazzo (e fortunatamente non c'erano i social!!!). Certo, in mezzo ci sono state due guerre, erano anni particolari, ma per ritrovare un tricolore ci ha dovuto pensare il Grenoli
Gli anni 50 e 60 ci hanno portato gioie a getto continuo: 5 scudetti, due coppe dei campioni, una intercontinentale. Anni meravigliosi.
Negli anni 70, invece, poche gioie (in pratica solo lo scudetto della stella, l'ultimo regalo di Gianni Rivera)
Poi i primi anni 80, con due retrocessioni ed il rischio fallimento.
Poi l'arrivo di Berlusconi, con 20 anni di goduria allo stato puro.
Poi la fase down, con Berlusconi che non investe, i parametri zero, la cessione ai cinesi, il fondo USA.

Per i tifosi rossoneri gioie intense, fortissime, indimenticabili ma altrettante delusioni cocenti e dolori lancinanti.
Mai mediocri, nel bene e nel male, tifare Milan vuol dire non annoiarsi, vuol dire alti e bassi, affrontare Cavese e Steaua a pochi anni di distanza, vuol dire passare da Manchester a Istanbul, vuol dire avere Papin riserva di van Basten ma anche Lapadula e Ocampos, sempre sulle montagne russe.

Perchè vi scrivo questo.
Perchè questi sono anni orribili, essere milanisti ora è difficilissimo, stiamo ingoiando tanti di quei bocconi amari...
Non ho idea di quando avrà fine questo schifo, temo non a breve, la luce in fondo al tunnel non si vede. Mi auguro che Elliott possa vendere ad un magnate russo/arabo/usa e che questo sia valido, ma servono ancora anni di pazienza.
Ma prima o poi ritorneremo a vivere momenti esaltanti, perchè è così da 120 anni.
Nessuna notte è così lunga da impedire al sole di risorgere (Jim Morrison)
Risorgeremo
E' così vecchio mio.
Noi siamo il Liverpool, noi siamo il Bayern, abbiamo quella storia li, la maglia per i giovani pesa per quello, quando si parla di effetto San Siro non si tiene spesso conto che il peso maggiore è quello di una storia vincente.
Sono sicuro che una volta che torneremo in quella coppa ad esempio faremo come il Liverpool arriveremo in fondo in tempi brevi, è il dna che parla.
Hubo un tiempo en que el Milan fue el rey del mundo. Nadie le hizo sombra.

Avatar utente
sickboy
Messaggi: 4264
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:30
Località: Catania bedda

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da sickboy » venerdì 11 ottobre 2019, 13:41

Quoto tutto il discorso del sempre grande Nordhal (del resto, il nick che si è scelto la dice già lunga).


Tutto tranne una cosa: quella frase non è di Jim Morrison :D
E' una delle centinaia di frasi apocrife attribuite (inspiegabilmente solo in Italia) negli anni '80 all'amabile genio ed insostenibile beone americano :asd: :asd: :asd:
Divento pazzo: centinaia e centinaia di frasi attribuite a lui senza ragione apparente :D

Forza Milan amici :sciarpamilan: :sciarpamilan:
Per la puttana, Walter! Sei davvero uno stronzo! Con te diventa tutto grottesco, porco mondo!

Avatar utente
nordahl
Messaggi: 5618
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:41
Località: secondo anello blu

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da nordahl » venerdì 11 ottobre 2019, 13:51

sickboy ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 13:41


Tutto tranne una cosa: quella frase non è di Jim Morrison :D
E' una delle centinaia di frasi apocrife attribuite (inspiegabilmente solo in Italia) negli anni '80 all'amabile genio ed insostenibile beone americano :asd: :asd: :asd:
Divento pazzo: centinaia e centinaia di frasi attribuite a lui senza ragione apparente :D
:fischio:
LASCERO' IL MILAN IN OTTIME MANI...

Avatar utente
Arianna
Amministratore
Messaggi: 3016
Iscritto il: venerdì 23 agosto 2013, 23:05
Località: Roma (ma sempre siciliana!)
Contatta:

Re: Auguri, caro vecchio Diavolo!

Messaggio da Arianna » domenica 13 ottobre 2019, 13:08

nordahl ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 13:51
sickboy ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 13:41


Tutto tranne una cosa: quella frase non è di Jim Morrison :D
E' una delle centinaia di frasi apocrife attribuite (inspiegabilmente solo in Italia) negli anni '80 all'amabile genio ed insostenibile beone americano :asd: :asd: :asd:
Divento pazzo: centinaia e centinaia di frasi attribuite a lui senza ragione apparente :D
:fischio:
Credo che la frase sia di Paulo Coelho...
Se avessi i piedi buoni anziché scostumati non sapremmo dove mettere le coppe (Gennaro Gattuso)

Rispondi