Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

I giocatori del passato e del presente

Moderatore: Puddu

Avatar utente
MarcoUnico
Messaggi: 1960
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 8:52
Località: Montignoso (MS)
Contatta:

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da MarcoUnico » sabato 9 novembre 2013, 10:38

sickboy ha scritto:Non per nutrire dei dubbi... fosse il nuovo maradona sarei l'uomo più felice del mondo.
Ma che cosa cazzo può aver fatto un 14enne per ricevere queste attenzioni?
Caca pepite d'oro?
44 gol a partita?
Gioca nel giappone con il suo amico Tom Becker e il rivale di sempre Mark Lenders?
Io rimango perplesso.
Sick l'hai mai visto giocare ?

Premesso che gli anni duri ancora devono venire (Quelli del salto di qualità attorno ai 17 anni)... vederlo giocare è veramente impressionante.

Ha una proprietà di palleggio, una tecnica ed una eleganza che si faticano a trovare persino in giocatori (bravi) di 5/6 anni più grandi.
A.D. Adriano Galliani:
"La preoccupazione dei tifosi? Rispondo che devono avere fiducia.
Ci vuole un atto di fede da parte di tutti che verrà ripagato"

(Gazzetta dello Sport - 30/07/2014)

Avatar utente
sickboy
Messaggi: 4054
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:30
Località: Catania bedda

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da sickboy » sabato 9 novembre 2013, 21:49

MarcoUnico ha scritto:
sickboy ha scritto:Non per nutrire dei dubbi... fosse il nuovo maradona sarei l'uomo più felice del mondo.
Ma che cosa cazzo può aver fatto un 14enne per ricevere queste attenzioni?
Caca pepite d'oro?
44 gol a partita?
Gioca nel giappone con il suo amico Tom Becker e il rivale di sempre Mark Lenders?
Io rimango perplesso.
Sick l'hai mai visto giocare ?

Premesso che gli anni duri ancora devono venire (Quelli del salto di qualità attorno ai 17 anni)... vederlo giocare è veramente impressionante.

Ha una proprietà di palleggio, una tecnica ed una eleganza che si faticano a trovare persino in giocatori (bravi) di 5/6 anni più grandi.
No, no, Dejan, ripeto, è più un'obiezione di principio che altro.
Perchè, semplicemente, un ragazzino alla sua età NON DEVE avere pressioni. Anche perchè dall'età che ha ora a quando arriverà in prima squadra passerà ovviamente del tempo, e sarà quello il tempo decisivo, non quello che sta passando adesso.
In ogni caso, me lo vedrò un po', e le impressioni sul poco che ho visto sono lontane dal settore "bufala" che tanto è caro ai nostri (???) osservatori.
In ogni modo, conoscevo gente a catania che a 15 anni giocava in eccellenza e faceva numeri che non vedevi manco in serie A, aveva intelligenza tattica, fisico e tutto ciò che serve.
A quello che è andata meglio è finita in serie B svizzera per qualche anno e poi a fare tornei estivi alla villa di Mascalucia (CT).
Per dire, dovevano tutti finire nell'inter, nel Milan, nella Roma eccetera.
Tornavano con i completini e tutto, andavano nei ritiri eccetera.
Non è paragonabile, senza dubbio.
Ma è proporzionalmente paragonabile.
Non bruciamo sto ragazzo con attenzioni indebite, insomma va.
E con questa prima persona plurale intendo le teste di cazzo che devono tutelarlo, ovviamente non noi.
Sai, questo... questo è un caso molto, molto complicato, Maude. Un sacco di input e di output. Fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile.

Avatar utente
T.rex
Messaggi: 925
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:49
Località: Boario Terme

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da T.rex » domenica 10 novembre 2013, 8:05

sickboy ha scritto:
MarcoUnico ha scritto:
sickboy ha scritto:Non per nutrire dei dubbi... fosse il nuovo maradona sarei l'uomo più felice del mondo.
Ma che cosa cazzo può aver fatto un 14enne per ricevere queste attenzioni?
Caca pepite d'oro?
44 gol a partita?
Gioca nel giappone con il suo amico Tom Becker e il rivale di sempre Mark Lenders?
Io rimango perplesso.
Sick l'hai mai visto giocare ?

Premesso che gli anni duri ancora devono venire (Quelli del salto di qualità attorno ai 17 anni)... vederlo giocare è veramente impressionante.

Ha una proprietà di palleggio, una tecnica ed una eleganza che si faticano a trovare persino in giocatori (bravi) di 5/6 anni più grandi.
No, no, Dejan, ripeto, è più un'obiezione di principio che altro.
Perchè, semplicemente, un ragazzino alla sua età NON DEVE avere pressioni. Anche perchè dall'età che ha ora a quando arriverà in prima squadra passerà ovviamente del tempo, e sarà quello il tempo decisivo, non quello che sta passando adesso.
In ogni caso, me lo vedrò un po', e le impressioni sul poco che ho visto sono lontane dal settore "bufala" che tanto è caro ai nostri (???) osservatori.
In ogni modo, conoscevo gente a catania che a 15 anni giocava in eccellenza e faceva numeri che non vedevi manco in serie A, aveva intelligenza tattica, fisico e tutto ciò che serve.
A quello che è andata meglio è finita in serie B svizzera per qualche anno e poi a fare tornei estivi alla villa di Mascalucia (CT).
Per dire, dovevano tutti finire nell'inter, nel Milan, nella Roma eccetera.
Tornavano con i completini e tutto, andavano nei ritiri eccetera.
Non è paragonabile, senza dubbio.
Ma è proporzionalmente paragonabile.
Non bruciamo sto ragazzo con attenzioni indebite, insomma va.
E con questa prima persona plurale intendo le teste di cazzo che devono tutelarlo, ovviamente non noi.

Ovviamente quoto.. Cambio solo "Catania" con "Cagliari" c'erano i nuovi Maradona, i nuovi Van Basten, I nuovi Platinì.. molti sono stati prelevati dai settori giovanili di Milan, Juve, Inter, Atalanta, Torino etc.. Beh... in serie A non ne ho visto giocare 1
E attenzione.. parlo di gente con lo stesso se non maggiore talento di Mastour.. ragazzini che quando giocavano con i pari età facevano 2/3 se non 4/5 gol a partita.
Oggi molto più di allora (parlo degli anni 80/90) è facilissimo se non scontato che questi ragazzini vengano bruciati... vuoi perchè li pompano e questi credono di essere già arrivati .. vuoi perchè chi li prende crede che nel giro di 1 anno o 2 debbano essere dei fuoriclasse assoluti.. vuoi perchè gli tolgono l'essenza del calcio soprattutto per i ragazzini, e cioè il divertimento, cercando di trasformarli in professionisti trentenni a soli 12/13/14 anni... Molti messi in queste condizioni soffrono di nostalgia di casa e del vecchio gioco che conoscevano e tornano da mamma e papà.
Come dici giustamente tu.. chi dovrebbe tutelarli e proteggerli li espone a responsabilità e doveri che non puoi chiedere ad un adolescente.
Porto un esempio vissuto in prima persona..
Un mio amico di infanzia.. con cui sono praticamente cresciuto.. era un baby fenomeno e fu segnalato alle giovanili del Como (non il Real Madrid), fece il provino e lo presero immediatamente.. dopo un giorno venne definito il nuovo Garrincha.. lo facevano allenare più degli altri.. gli pretendevano più degli altri perchè già pregustavano l'odore dei soldi che avrebbe fruttato la sua cessione ad una grande..
Il risultato è stato che dopo meno di un anno è tornato a casa.. ha continuato a giocare nei dilettanti e ha proseguito gli studi.. oggi fa l'architetto.
Nessun uomo può permettersi di guardare un altro uomo dall'alto verso il basso, se non per aiutarlo a rialzarsi

Avatar utente
IlFuSheva_7
Messaggi: 2748
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 15:09
Località: Sassari

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da IlFuSheva_7 » domenica 10 novembre 2013, 15:25

Ve lo ricordate Vincenzino Sarno?

LA STORIA. Nel 1999 era il bimbo dei milioni - 120, di lire, spesi dal Torino per averlo a 11 anni - e delle polemiche. A 25 anni, dopo un'esperienza positiva in B con la Reggina, è tra i tanti giocatori svincolati. In Serie A non ha ancora messo piede
Il profilo di Sarno su Sky - Mercato e conti: la Roma sorride, Inter e Napoli in rosso - IL TABELLONE DEL MERCATO - LA MAPPA INTERATTIVA Colpo su colpo: l'ALBUM del mercato Un anno fa, Sarno in B con il Lanciano: "Non sono più Vincenzino"
AddThis Email Stampa Articolo di Stefano Rizzato

"Enzino, puoi venire un momento?". Basta una frase per diventare famosi a undici anni. Basta una frase se a pronunciarla è Bruno Vespa, se il palcoscenico è quello di Porta a Porta e se poi ti ci ritrovi a palleggiare con Batistuta e Mancini, dato in pasto al pubblico di seconda serata come l'ennesimo nuovo, piccolo Maradona.

È questa la storia di Vincenzino Sarno, ex mini-fenomeno classe '88. Molti lo ricorderanno: nel 1999, quando appunto aveva 11 anni, fu ingaggiato dal Torino per 120 milioni di lire. Una somma mica male, che servì per portarlo da Secondigliano in Piemonte, ad illuminare i riflettori sul suo "caso" e a scatenare le polemiche di chi ci vide un'esagerazione.

Alla fine "Enzino" fu granata solo per tre mesi e tornò subito a Secondigliano. Fino al 2002, quando passò agli allievi della Roma, con meno clamore ma aspettative altissime. Nel 2005, la prima delusione: la Roma lo svincola e Sarno finisce alla Sangiovannese, dove esordisce, in Serie C1, in una domenica di dicembre.

Era l'inizio della discesa da predestinato a ragazzo qualunque. E di una gavetta che di fatto non è mai finita. Il Giulianova in C2, poi il Brescia per fare due presenze in Serie B, poi ancora C1 con il Potenza, Prima e Seconda Divisione con la Pro Patria, poi a gennaio 2011 di nuovo Serie B, con la Reggina. Ma non è ancora il momento e Sarno finisce in prestito al Lanciano in Prima Divisione. Lì le cose iniziano a girare e l'ex baby prodigio è autore di due gol decisivi nei play-off per la storica promozione in Serie B della squadra abruzzese.

Così, un anno fa Vincenzino, anzi Vincenzo, torna a Reggio Calabria con la voglia di affermarsi finalmente almeno in Serie B. Invece va bene ma non abbastanza: 26 presenze, qualche buona prova ma un solo gol, a fine ottobre. La Reggina vorrebbe venderlo a gennaio, ma non ci riesce. Chievo e Brescia si mostrano interessati, ma non se ne fa nulla. Sarno finisce così senza contratto e ci rimane per tutta l'estate.

Ora pare possa finire al Carpi, ancora in Serie B e con una squadra neopromossa. Sarebbe già un successo, anche per un ragazzo che doveva essere il nuovo Maradona. Un predestinato finito troppo presto sotto i riflettori. E che ancora in Serie A non è riuscito a mettere piede.
Hubo un tiempo en que el Milan fue el rey del mundo. Nadie le hizo sombra.

Avatar utente
MarcoUnico
Messaggi: 1960
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 8:52
Località: Montignoso (MS)
Contatta:

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da MarcoUnico » lunedì 11 novembre 2013, 14:07

sickboy ha scritto: No, no, Dejan, ripeto, è più un'obiezione di principio che altro.
Perchè, semplicemente, un ragazzino alla sua età NON DEVE avere pressioni. Anche perchè dall'età che ha ora a quando arriverà in prima squadra passerà ovviamente del tempo, e sarà quello il tempo decisivo, non quello che sta passando adesso.
In ogni caso, me lo vedrò un po', e le impressioni sul poco che ho visto sono lontane dal settore "bufala" che tanto è caro ai nostri (???) osservatori.
In ogni modo, conoscevo gente a catania che a 15 anni giocava in eccellenza e faceva numeri che non vedevi manco in serie A, aveva intelligenza tattica, fisico e tutto ciò che serve.
A quello che è andata meglio è finita in serie B svizzera per qualche anno e poi a fare tornei estivi alla villa di Mascalucia (CT).
Per dire, dovevano tutti finire nell'inter, nel Milan, nella Roma eccetera.
Tornavano con i completini e tutto, andavano nei ritiri eccetera.
Non è paragonabile, senza dubbio.
Ma è proporzionalmente paragonabile.
Non bruciamo sto ragazzo con attenzioni indebite, insomma va.
E con questa prima persona plurale intendo le teste di cazzo che devono tutelarlo, ovviamente non noi.
Premesso che non escludo affatto che possa perdersi e fare cilecca nel momento topico... quello che (a me) impressiona non è tanto la giocata, il dribbling, il gol... quanto la proprietà di palla, l'eleganza, la facilità con cui sembra giocare e la visione di gioco.

Non so minimamente poi se sia dotato anche dal punto di vista mentale e tattico ma sotto il profilo tecnico mi ha realmente impressionato.
Pareva di prendere un 19enne (forte) ed averlo messo a giocare coi bimbetti di 13 anni.

Oltre a tutti i rischi del caso... speriamo non ci si metta di mezzo anche la fragilità dal punto di vista fisico.
A.D. Adriano Galliani:
"La preoccupazione dei tifosi? Rispondo che devono avere fiducia.
Ci vuole un atto di fede da parte di tutti che verrà ripagato"

(Gazzetta dello Sport - 30/07/2014)

paippo88
Messaggi: 413
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 21:12

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da paippo88 » lunedì 11 novembre 2013, 20:13


Avatar utente
MarcoUnico
Messaggi: 1960
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 8:52
Località: Montignoso (MS)
Contatta:

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da MarcoUnico » martedì 12 novembre 2013, 11:51

Tecnicamente... non mi sembra malaccio.
:D :D

Spero soltanto che non diventi un altro personaggio più televisivo e giornalistico che altro (Vedi Borriello).

Ma in questo caso le potenzialità imho sono davvero enormi.
A.D. Adriano Galliani:
"La preoccupazione dei tifosi? Rispondo che devono avere fiducia.
Ci vuole un atto di fede da parte di tutti che verrà ripagato"

(Gazzetta dello Sport - 30/07/2014)

Avatar utente
PippoMio
Messaggi: 2173
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 17:15

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da PippoMio » martedì 12 novembre 2013, 16:54

IlFuSheva_7 ha scritto:Ve lo ricordate Vincenzino Sarno?

LA STORIA. Nel 1999 era il bimbo dei milioni - 120, di lire, spesi dal Torino per averlo a 11 anni - e delle polemiche. A 25 anni, dopo un'esperienza positiva in B con la Reggina, è tra i tanti giocatori svincolati. In Serie A non ha ancora messo piede
Il profilo di Sarno su Sky - Mercato e conti: la Roma sorride, Inter e Napoli in rosso - IL TABELLONE DEL MERCATO - LA MAPPA INTERATTIVA Colpo su colpo: l'ALBUM del mercato Un anno fa, Sarno in B con il Lanciano: "Non sono più Vincenzino"
AddThis Email Stampa Articolo di Stefano Rizzato

"Enzino, puoi venire un momento?". Basta una frase per diventare famosi a undici anni. Basta una frase se a pronunciarla è Bruno Vespa, se il palcoscenico è quello di Porta a Porta e se poi ti ci ritrovi a palleggiare con Batistuta e Mancini, dato in pasto al pubblico di seconda serata come l'ennesimo nuovo, piccolo Maradona.

È questa la storia di Vincenzino Sarno, ex mini-fenomeno classe '88. Molti lo ricorderanno: nel 1999, quando appunto aveva 11 anni, fu ingaggiato dal Torino per 120 milioni di lire. Una somma mica male, che servì per portarlo da Secondigliano in Piemonte, ad illuminare i riflettori sul suo "caso" e a scatenare le polemiche di chi ci vide un'esagerazione.

Alla fine "Enzino" fu granata solo per tre mesi e tornò subito a Secondigliano. Fino al 2002, quando passò agli allievi della Roma, con meno clamore ma aspettative altissime. Nel 2005, la prima delusione: la Roma lo svincola e Sarno finisce alla Sangiovannese, dove esordisce, in Serie C1, in una domenica di dicembre.

Era l'inizio della discesa da predestinato a ragazzo qualunque. E di una gavetta che di fatto non è mai finita. Il Giulianova in C2, poi il Brescia per fare due presenze in Serie B, poi ancora C1 con il Potenza, Prima e Seconda Divisione con la Pro Patria, poi a gennaio 2011 di nuovo Serie B, con la Reggina. Ma non è ancora il momento e Sarno finisce in prestito al Lanciano in Prima Divisione. Lì le cose iniziano a girare e l'ex baby prodigio è autore di due gol decisivi nei play-off per la storica promozione in Serie B della squadra abruzzese.

Così, un anno fa Vincenzino, anzi Vincenzo, torna a Reggio Calabria con la voglia di affermarsi finalmente almeno in Serie B. Invece va bene ma non abbastanza: 26 presenze, qualche buona prova ma un solo gol, a fine ottobre. La Reggina vorrebbe venderlo a gennaio, ma non ci riesce. Chievo e Brescia si mostrano interessati, ma non se ne fa nulla. Sarno finisce così senza contratto e ci rimane per tutta l'estate.

Ora pare possa finire al Carpi, ancora in Serie B e con una squadra neopromossa. Sarebbe già un successo, anche per un ragazzo che doveva essere il nuovo Maradona. Un predestinato finito troppo presto sotto i riflettori. E che ancora in Serie A non è riuscito a mettere piede.

tanti insuccessi sono piu di una prova. Non è e non sarà mai il fenomeno che si poteva pensare. Pero', non è neanche cosi tanto scarso da non meritarsi una squadra. A reggio, non ha reso come doveva, ma in una stagione dove alla reggina si sono alternati 3 allenatori, con una rosa composta da 40 giocatori, in un momento nero per la societa', che ha rischiato la retrocessione. E lui, probabilmente anche per sue colpe, vedeva il campo 1 volta si e 4 no, e cosi' è difficile dare il massimo. Lo penalizza troppo un ruolo un po indefinito, tra il trequartista e la seconda punta, e sopratutto la statura, è veramente basso e mingherlino. Voi direte, eh si pero' anche messi. Il punto è che a messi se gli butti una spallata non lo sposti di un centimetro. Sarno rischia di rompersi le ossa. Tecnicamente ha invece poco da invidiare alla maggior parte dei giocatori di serie B, che per me pero' resta la sua dimensione.

Avatar utente
nordahl
Messaggi: 5424
Iscritto il: lunedì 2 settembre 2013, 16:41
Località: secondo anello blu

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da nordahl » mercoledì 4 ottobre 2017, 15:26

Arianna, nel lontano 2013 ha scritto:
domenica 20 ottobre 2013, 23:19

Ecco di seguito la classifica dei 100 migliori talenti nel Mondo:
1. Hachim Mastour (Milan)
2. Julian Draxler (Schalke 04)
3. Dennis Praet (Anderlecht)
4. Tonny Vilhena (Feyenoord)
5. Jese Rodriguez (Real Madrid)
6. Marquinhos (PSG)
7. Alen Halilovic (Dinamo Zagabria)
8. Lucas Ocampos (Monaco)
9. Max Meyer (Schalke 04)
10. Adrien Rabiot (PSG)
11. Serge Gnabry (Arsenal)
12. Oliver Torres (Atletico Madrid)
13. Luke Shaw (Southampton)
14. Bruma (Galatasaray)
15. Kurt Zouma (Saint-Etienne)
16. Gerard Deulofeu (Everton/Barcellona)
17. Viktor Fischer (Ajax)
18. Douglas Baggio (Flamengo)
19. Lucas Digne (PSG)
20. Alvaro Vadillo (Real Betis)
21. Ross Barkley (Everton)
22. Ricardo Centurion (Genoa)
23. Will Hughes (Derby County)
24. Eder Alvarez Balanta (River Plate)
25. Nathaniel Chalobah (Nottingham Forrest)
26. Geoffrey Kongdobia (Monaco)
27. Ruben Loftus-Cheek (Chelsea)
28. Juan Quintero (Porto)
29. Jurgen Locadia (PSV)
30. Victor Andrade (Santos)
31. Jean Marie Dongou (Barcellona)
32. Tin Jedvaj (Roma)
33. Neal Maupay (Nizza)
34. Zakaria Bakkali (PSV)
35. Hakan Calhanoglu (Amburgo)
36. Riechedly Bazoer (Ajax)
37. Domenico Berardi (Sassuolo/Juventus)
38. Adnan Januzaj (Manchester United)
39. Fabrice Olinga (Malaga)
40. Doria (Botafogo)
41. Florian Thauvin (Marsiglia)
42. Jon Toral (Arsenal)
43. Mattheus (Flamengo)
44. Mateo Kovacic (Inter)
45. Angelo Henriquez (Real Saragozza)
46. Sergi Samper (Barcellona)
47. Mbaye Niang (Milan)
48. Gedion Zelalem (Arsenal)
49. Yassine Benzia (Lione)
50. Jordan Ibe (Liverpool)
51. Rafa Alcantara (Barcellona)
52. Yaya Sanogo (Arsenal)
53. Leon Groetzka (Schalke 04)
54. Ademlison (San Paolo)
55. Betinho (Sporting Lisbona)
56. Neilton (Santos)
57. Adryan (Flamengo)
58. Davy Klaassen (Ajax)
59. Mauro Icardi (Inter)
60. Giorgian De Arrascaeta (Defensor Sporting)
61. Jonathan Espericueta (Tigres)
62. Bertrand Traore (Chelsea)
63. Alex Grimaldo (Barcellona)
64. Mauro Caballero (Porto)
65. Lucas Piazon (Vitesse/Chelsea)
66. Lucas Andersen (Ajax)
67. Jetro Willems (PSV)
68. Karim Bekik (PSV/Chelsea)
69. Fred (Shaktar Donetsk)
70. Thorgan Hazard (Zulle Wagerem/Chelsea)
71. Jeroen Lumu (Willem II)
72. Ruben Garcia (Levante)
73. Andy Polo (Universitario de Deportes)
74. Valon Berisha (Red Bull Salisburgo)
75. Nicolas Castillo (Universidad Catolica)
76. Saul Niguez (Rayo Vallecano/Atletico Madrid)
77. Jordy Reyna (Red Bull Salisburgo)
78. Bryan Cristante (Milan)
79. Cristian Cuevas (Vitesse/Chelsea)
80. Memphis Depay (PSV)
81. Leonardo Bittencourt (Amburgo)
82. Ebenzer Assifuah (Sion)
83. Matthias Ginter (Udinese)
84. Nico Lopez (Udinese)
85. Gabriel Pires (Juventus)
86. Hector Bellerin (Arsenal)
87. Leandro Paredes (Boca Juniors)
88. Mustafa Amini (Borussia Dortmund)
89. Felipe Anderson (Lazio)
90. Lazar Markovic (Benfica)
91. Nathan Redmond (Norwich)
92. Jordan Lukaku (Anderlecht)
93. Gabriel Iancu (Steaua Bucarest)
94. Carlos Fierro (Guadalajara)
95. Jules Ntcham (Manchester City)
96. Samuel Umtiti (Lione)
97. Luciano Vietto (Racing Club)
98. Denis Suarez (Barcellona)
99. Joel Pohjanpalo (HJK Helsinki)
100. Brayan Perea (Lazio)

http://www.milannews.it/primo-piano/won ... ang-126141" onclick="window.open(this.href);return false;
Questo post è del 2013.
Siamo nel 2017.
Ora possiamo vedere quali di questi 100 talenti sono sbocciati e quali no...
LASCERO' IL MILAN IN OTTIME MANI...

Avatar utente
Arianna
Amministratore
Messaggi: 2899
Iscritto il: venerdì 23 agosto 2013, 23:05
Località: Roma (ma sempre siciliana!)
Contatta:

Re: Wonderkids top 100 2013-14: 3 rossoneri presenti

Messaggio da Arianna » mercoledì 4 ottobre 2017, 23:40

beh dire qualcuno:
2. Julian Draxler (Schalke 04) che ora sta al PSG
5. Jese Rodriguez (Real Madrid) che ora sta al Bayern Monaco
6. Marquinhos (PSG)


Vi faccio notare anche la presenza in classifica di nostre conoscenze:
8. Lucas Ocampos (Monaco)
16. Gerard Deulofeu (Everton/Barcellona)
35. Hakan Calhanoglu (Amburgo)
47. Mbaye Niang (Milan)
78. Bryan Cristante (Milan)


Comunque li in mezzo ci sono anche Berardi, Kongdobia, Icardi, Lukaku, Kovacic, Felipe Anderson...
Se avessi i piedi buoni anziché scostumati non sapremmo dove mettere le coppe (Gennaro Gattuso)

Rispondi